Ambivision PRO

Dopo l’introduzione all’AmbiVision PRO (AMBIVISION PRO – INTRODUZIONE – PARTE 1), la descrizione delle sue caratteristiche e del bundle (AMBIVISION PRO – CARATTERISTICHE E BUNDLE – PARTE 2), dopo avervi mostrato la sua installazione (AMBIVISION PRO – INSTALLAZIONE – PARTE 3), la sua app (AMBIVISION PRO – WIZARD APP – PARTE 4) e dopo avere infine dato prova delle sue funzionalità (AMBIVISION PRO – CAPTURE MODE TEST E PROVA SUL CAMPO – PARTE 5AMBIVISION PRO – MUSIC MODE E MOOD MODE TEST – PARTE 6) siamo arrivati alle conclusioni finali e all’ultima parte di quest’analisi sull’AmbiVision PRO.

Vi ricordo che i risultati ottenuti dai video test pubblicati in precedenza sono strettamente legati alle caratteristiche della TV/Monitor, al posizionamento del dispositivo, alla sua configurazione/personalizzazione tramite app, dalla versione del firmware (proprio nel momento in cui scrivo è stata rilasciata la versione 1.20 e una nuova versione della Wizard app ora in versione 1.6).

L’AmbiVision PRO permette attraverso delle strisce a led intelligenti poste dietro la TV/Monitor e tramite un dispositivo di cattura video posto davanti alla TV, di proiettare i colori dello schermo sulla parete retrostante e da tutti e 4 i lati dello schermo, soluzione questa che si differenzia dall’Ambilight della Philips in cui le luci a led sono poste su 3 lati della TV.

Tralasciando le problematiche iniziali frutto della non versione definitiva del prodotto, L’AmbiVision PRO è di certo un dispositivo interessante che si differenzia dalla concorrenza grazie alla sua piena compatibilità con tutte le sorgenti audio. Il dispositivo infatti posizionato di fronte alla TV cattura qualsiasi immagine venga riprodotta indipendentemente dalla sorgente video (lettore blu ray, console, Chromecast, FireTV, cavo, pc, ecc.) senza l’uso di ulteriori connettori, hub o convertitori.

I colori delle immagini vengono riprodotti senza lag visibili/importanti e nella visione di film e serie tv non abbiamo mai riscontrato ritardi. La resa dei colori per quanto buona non è sempre precisa, soprattutto nella riproduzione di scene con del bianco il quale viene spesso riprodotto come un rosa/viola. Il rosso è un po troppo accentuato ma ciò nonostante abbiamo apprezzato l’immersione nel guardare qualsiasi filmato, la TV infatti ci è sembrata più grande e ci è sembrato non di vedere i filmati ma di viverli.

Il dispositivo si mette in stand-by se non viene visualizzata nessuna immagine sullo schermo, questo però porta ad un ”falso positivo” in caso cui la scena che si sta guardando sia troppo scura e duri per un po di tempo. In questo caso il dispositivo interpreta la scena scura come una TV spenta e si disattiverà salvo poi riattivarsi al primo cambio di colore visualizzato.

Il produttore assicura che una volta montate le strisce a led e posizionato il controller

Ambivision PRO The Simpsons

AmbiVision PRO, il risultato è già ottimale senza nessun intervento di configurazione. Nel nostro caso invece abbiamo dovuto dedicare molto tempo alla configurazione del dispositivo per trovare il giusto setup e per eliminare un fastidioso sfarfallio. È corretto però sottolineare e ricordare che il dispositivo è stato preso quando non era ancora nella sua versione finale e che d’allora si sono succeduti diversi firmware che hanno migliorato le performance globali del prodotto e di conseguenza l’auto-configurazione. L’aggiornamento del firmware è piuttosto facile, ci sarebbe piaciuto sapere però le novità e le modifiche apportate di volta in volta ma il sito AmbiVision nella sezione ”Software update” della pagina Wiki è fermo ad oggi alla versione 1.18 e l’app non fornisce nessuna informazione del genere.

Dal punto di vista del design un dispositivo leggermente meno alto sarebbe stato apprezzato ma la forma a ”pallina da tennis spigolosa” una volta posizionata sul mobile della TV non infastidisce con la visuale dello schermo ed assicura tutto sommato un buon effetto decorativo in qualsiasi salone. La qualità costruttiva invece ci è sembrata molto economica, il materiale plastico usato non è infatti dei migliori.

Il bundle a corredo è sufficiente e normale per un dispositivo del genere, la basi adesive fornite sono state sicuramente pratiche ma includere delle alimentazioni un po più lunghe, specie quella del controller AmbiVision PRO,  avrebbe permesso un posizionamento dello stesso anche a lunghe distanze dalla TV senza l’ausilio di prolunghe. L’aggiunta di connettori angolari sarebbe stata molto apprezzata per un’installazione delle strisce senza sbavature. Le strisce montano un adesivo 3M e ci sono sembrate di buona qualità anche se non certo il top. Il produttore offre la possibilità di scegliere tra strisce RGB (come nel nostro caso) e quelle RGB-W. Inoltre è possibile cambiare le sole strisce a led in qualsiasi momento.

Il montaggio è stato facile, il manuale online è abbastanza chiaro per procedere all’installazione delle strisce a led e alla prima configurazione del dispositivo. Avremmo apprezzato il consiglio di usare dei connettori angolari nell’applicazione delle strisce dietro la TV per avere degli angoli perfetti. Manca purtroppo il manuale in lingua italiana. Il produttore specifica che l’Ambivision PRO deve essere posizionato di fronte lo schermo ad una distanza massima di 5 metri con un’inclinazione fino a 180 gradi ma non specifica la distanza minima. Dai nostri test e per i firmware inferiori allo 1.19 posizionare il controller ad una distanza minore di 20 cm potrebbe non essere una soluzione ottimale.

L’app per controllare l’Ambivision PRO

La Wizard app, vale a dire l’applicazione con la quale si configura e si controlla il dispositivo è abbastanza funzionale e ”user friendly”. Sarebbe stato bello però modificare con l’immissione diretta alcuni valori di configurazione/personalizzazione (ad esempio la correzione della gamma colori) anziché usare le leve verso destra e sinistra che impediscono una buona precisione specie negli smartphone con schermo di ridotte dimensioni. A volte inoltre la connessione tra la Wizard app e il dispositivo e lenta o non viene riconosciuta, cosa quest’ultima che ci ha obbligato a riavviare il controller Ambivision di tanto in tanto. Di certo nuovi aggiornamenti dell’app miglioreranno questo aspetto.

Le modalità ”Music mode” e ”Mood mode” sono un surplus che rendono il dispositivo polivalente e divertente all’uso. Un party ho una piccola cena tra amici beneficerà di certo di queste due funzionalità aggiuntive. Nella modalità ”Mood” avremmo apprezzato la possibilità di usare più effetti dinamici.

L’Ambivision PRO è venduto da poco su Amazon.it a partire da circa 180€ per la versione fino a schermi da 42” e a 230€ circa per schermi da 85″ a 100″. Una TV Philips con sistema Ambilight debutta sopra i 400€, offre un sistema integrato e collaudato ma non ha i led posizionati su tutti i lati della TV. Personalmente troviamo i 180€ un po eccessivi data la non perfetta maturità del prodotto e dalla qualità del materiale impiegato. Tuttavia per gli amanti degli effetti RGB e dei giochi di luce il ”gioco potrebbe valere la candela”. A noi è piaciuto e ormai non siamo in grado di farne a meno. Ogni nuovo aggiornamento del dispositivo inoltre ne aumenta le performance e risolve alcuni difetti e non siamo lontani da un prodotto perfetto al 99%. Ci piacerebbe vedere in futuro un bundle meno costoso dedicato ai monitor per pc dai 22” al 30”.

NOTA: nel momento della stesura della conclusioni finali è stata rilasciata una nuova versione del firmware del dispositivo (1.20) e una nuova versione della Wizard app (1.6). Non abbiamo potuto valutare le modifiche apportate con questi aggiornamenti anche perché il produttore non ha fornito nessuna descrizione degli aggiornamenti lato software. Lato app invece sono state introdotte nuove funzionalità (”Experimental settings’‘) tra cui spicca una ”correzione del bianco” (confermando dunque che quello da noi evidenziato era una dei punti da risolvere). Vi allego la schermata delle nuove impostazioni e presto ci ritorneremo con un nuovo articolo a riguardo.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here